Un obiettivo o un sogno per domani?

Città isolate, David Tozzi

“Qual’è la differenza tra un sogno ed un obiettivo? Una data” Walt Disney

Questa famosa citazione di Walt Disney ci insegna due cose importanti: la prima è che se abbiamo un sogno dobbiamo rincorrerlo, la seconda è che se non abbiamo un piano d’azione concreto, continuiamo semplicemente a sognare. Affinchè un sogno diventi un obiettivo, qualsiasi studioso della motivazione vi dirà che bisogna pianificarlo, studiarlo, impegnarcisi anche e soprattutto quando non se ne ha voglia. Essere autodisciplinati, avere un metodo, possedere o creare delle competenze fa la differenza. Costantemente e diligentemente. Altrimenti resta aria.

Ci piacerebbe pensare che basta volere qualcosa ardentemente per ottenerla e ci piace meno realizzare che esiste la pratica che va eseguita con costanza e dedizione, specie quando subentra la pigrizia e avvaliamo una montagna di scuse. Se aspettiamo che l’ispirazione arrivi ogni giorno e ci guidi, stiamo scambiando la manna con un obiettivo, il quale esige invece un impegno duraturo, perseguibile e tangibile. Alcuni hanno bisogno di trovare un punto di riferimento esterno fuori per motivarsi e disciplinarsi, che sia un coach o un trainer in qualsiasi campo: va bene all’inizio ma ricordiamo che la disciplina e il riuscire a motivarci è la principale fonte per lo sviluppo dell’autostima. Anche nel video linkato l’insegnante parlando di come realizza il suo lavoro afferma “e poi passo la palla a voi”: vi faccio vedere come dopo sta a voi metterlo in pratica. Non possiamo sempre attenderci che sia l’esterno che si prenda cura di noi. Il sapersi direzionare è una forma di rispetto in primis verso noi stessi e verso la nostra vita, fa parte dello sviluppo dell’Io e del percorso della responsabilizzazione.

Un altro aspetto importante quando formuliamo un obiettivo è che questo sia in linea con i nostri valori, perchè realizzarlo ci renderà davvero felici, appagati, motivati e resistenti, aumentando la nostra tenacia o il nostro grit. Il grit è il termine inglese usata in psicologia per definire la grinta, la frase idiomatica in questione è grit your teeth, stringere i denti, nel senso di attivare una forte determinazione a proseguire qualcosa a cui teniamo. Il termine si affianca infatti nell’ambito della motivazione a quello di resilienza o di resistenza mentale. “Tendere a mantenere gli obiettivi a lungo termine sapendo posticipare la gratificazione”. Significa dirigere la mente, focalizzarci in modo determinato verso qualcosa a cui stiamo lavorando…e non mollare.

Molto spesso non raggiungiamo i nostri obiettivi perchè ci facciamo vincere dalla pigrizia o dalla comodità, procrastiniamo, attribuiamo ad un momento x “vago” (la data diceva appunto Walt Disney) il suo inizio, siamo incostanti, molliamo quando non vediamo un risultato a breve termine. Tutto ciò perchè viene basato su presupposti o convinzioni irrazionali, come il fatto che si debba realizzare facilmente, con poco impegno e subito.

Ho inserito il trailer di questo film che adoro per tre motivi: pur parlando di un obiettivo poco concreto come cambiare il mondo, Trevor il giovane protagonista lo rende pratico, individua un modo per poterlo soddisfare, intraprende perciò una piccola azione quasi in modo matematico che ne deve generare la ripetizione; è in linea con i suoi valori; sa cogliere il messaggio del suo insegnante e lasciarsene ispirare senza fermarsi a combattere con tutti quei pensieri che avrebbero potuto renderlo improponibile.“Se puoi sognarlo, puoi farlo”, affermava sempre Walt Disney. Spesso sento parlare di quanto non ci piace questo mondo o di quanto non ci piacesse quello di prima: cosa siamo disposti a fare anche nel nostro piccolo, attraverso una piccola azione sin da oggi per cambiarlo? Siamo disposti a mantenere quest’impegno con costanza anche quando non ne abbiamo voglia o quando non vediamo un risultato nell’immediato?

Ho anche aggiunto un link sotto sull’altruismo per chi cercasse ispirazione..

Se sei interessato ad approfondire l’argomento, segui il mio WEBINAR SABATO 23 MAGGIO ALLE ORE 10: I MIEI OBIETTIVI. In questo momento tanti obiettivi che avevamo necessitano di esser rivisti: come possiamo contribuire con il nostro potenziale umano a raggiungerli? Per iscriverti mandami una e-mail e

..buona visione e buon lavoro!!!

..”You may say I m a dreamer but I m not the only one, I hope some day you ll join us and the world will be as ONE” Imagine, J.Lennon

Rebecca Montagnino

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *