Overcomer: dominare i nostri pensieri negativi

A volte ci sentiamo così: legati, sopraffatti, bloccati, imbrigliati, impossibilitati a muoverci…a volte i nostri pensieri ci dicono cose orribili e senza averne consapevolezza ci maltrattiamo come nessuno oserebbe fare con noi. Ci sentiamo sopraffatti dal mondo, ci sembra che tutto e tutti siano contro di noi, se guardiamo bene siamo sopraffatti invece da come valutiamo il mondo. Il mondo è lì fuori, diverso per ognuno e forse è il nostro personale modo di vederlo che lo rende tale. E’ il SIGNIFICATO che diamo alle cose, al comportamento degli altri, a quello che ci avviene che ci fa sentire in un certo modo piuttosto che in un altro. Un pensiero negativo, ne crea un altro e poi un altro ancora, alla fine abbiamo creato una catena di pensieri negativi e con il tempo questa catena la portiamo addosso e diventa come un vestito per noi. Senza che ce ne accorgiamo. Lediamo autostima, ingurgitiamo stress, massacriamo il nostro organismo molto più di quanto fa quello che sta fuori di noi. A volte ad attivare questo evento non è un fatto così rilevante, a volte basta che sia la nostra percezione a renderlo tale, altre volte ancora è il nostro stato d’animo che ci orienta in quella direzione.

Ci sembra di essere preda di qualcosa al di fuori del nostro controllo e lo è in un certo modo, finchè non realizziamo che come ci siamo entrati possiamo trovare la via d’uscita. Non sono i pensieri a controllare noi, non sono le emozioni negative ad impadronirsi di noi, c’è sempre un momento in cui questo avviene e c’è sempre quindi la possibilità di riconoscere questo momento e di disinnescare l’input iniziale.

Abbiamo degli schemi ricorrenti, il che ci rende persone umane e come tali abbiamo la facoltà di combatterli per dedicare quelle energie a vivere in modo migliore, non a sopravvivere. Poi saremo noi a decidere quanto impegno e quanta energia dare a questo cambiamento, saremo noi a girare il termostato della nostra psiche.

Overcomer – che tradotto significa dominare, vincere è formato in inglese da due parole: over oltre e come. In effetti superare è andare oltre: un limite, una catena di pensieri, un malessere in cui tutto pare sopraffarci, che sia di ansia, di dolore o di rabbia. E’ il titolo di questo cortometraggio molto semplice, quanto efficace nell’esprimere questo stato interiore dove se è umano cadere, è altresì possibile non indugiarci dentro ed uscirne fuori. Come? Il finale dà una soluzione semplice, leggera e alquanto significativa.

E voi cosa fate solitamente per uscire dal vostro stato di malessere? Qual’è la modalità per overcome che usate?

Se volete lasciate un commento….

Rebecca Montagnino

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *