LA SOLITUDINE AMICA

Grazie ad una bellissima segnalazione, vi inoltro il video (sottotitolato) e l’articolo… dove ancora una volta  viene ribadito il concetto da me tanto apprezzato,  per cui la solitudine non è un mostro terrificante, forse è un mostro a seguito dei condizionamenti che la cultura ci impone. Vedo e sento sempre più persone che si affannano a trovare altri, incapaci di cercare davvero quello di cui hanno bisogno per paura di restar sole. Si censurano dal fare cose che amano se non possono farle in compagnia, sia per un senso di insicurezza che per uno spasmodico bisogno di aggrapparsi agli altri. Vedo e sento tante coppie infelici che non potrebbero essere diversamente considerato che stanno insieme perchè da sole non saprebbero cosa fare della loro vita.

Cosi il consumismo e l’assenza di spirito critico ha creato nella cultura occidentale un mito dell’amore e della compagnia, una specie di corsa ai saldi per cui dobbiamo tutti essere accoppiati e avere tanti amici, tanti like. Come nella corsa compulsiva allo shopping cerchiamo cose inutili, con il desiderio di appagare ben altre necessità, ci buttiamo nei rapporti ciecamente e tale cecità non può che provocare unioni infelici. Se un individuo non è completo, non è nell’altro che troverà la sua completezza, non saprà amare se prima non prova quell’amore forte per se stesso e per la vita in tutte le sue sfaccettature. L’amore diventa allora quell’unica passione in cui sognare, morte le  passioni e gli ideali di altro tipo, di un altro tempo. Diventa quella ricerca di equilibrio che non potrà che avere un impatto devastante quando scopriremo che l’Altro è altro, non lo specchio dei nostri bisogni inespressi e insoddisfatti. L’amore non è la compensazione, ma la completezza di qualcosa che è già bello di suo e vive di luce propria. Quando vogliamo a tutti i costi delegarlo a supplire tale vuoto, finisce per metterci in ombra e mettere in ombra le parti più belle di noi.

Accettiamo qualsiasi condizione o compromesso anche a costo di ferirci pur di non provare l’abbandono. Come dice il video siamo soli e siamo fortunati se siamo capaci di cercare e trovare quelle anime che ci comprendono, o quell’anima con cui condividere. Ma non è nei “saldi” che la troveremo, anzi è nella selezione profonda. E’ proprio nel silenzio e nella solitudine che ci fortifichiamo e siamo in grado da quel momento di saper prendere e dare, perchè siamo diventati Persone…

Aggiungo in fine..il testo di una delle canzoni che amo di più e che credo racchiuda meglio questo concetto.

 

Rebecca Montagnino

http://www.internazionale.it/video/2017/01/27/solitudine-difficolta

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.